La Roma e il sogno Conference League

I giallorossi stanno attraversando un ottimo periodo di forma ma probabilmente dovranno fare a meno di Nicolò Zaniolo, nuovamente alle prese con un infortunio.

La sconfitta di Milano riporta i giallorossi sulla terra

Per tre mesi e mezzo la Roma è stata la squadra italiana che ha conquistato il maggior numero di punti in Serie A. La sconfitta per 3-1 giunta a San Siro contro l’Inter riporta però i giallorossi con i piedi per terra e ricorda a tutti che la strada da fare per giungere al livello delle migliori del nostro campionato è ancora lunga e tortuosa. Nonostante questo, la squadra di José Mourinho continua a lanciare segnali incoraggianti, è in continua e costante crescita sia dal punto di vista del gioco che dei risultati e, soprattutto, sembra aver compiuto un significativo salto di qualità a livello mentale.

Nel bilancio stagionale sull’operato del tecnico portoghese sarà decisiva la doppia sfida contro il Leicester valevole per le semifinali di Conference League, la meno ambita delle Coppe Europee ma la cui vittoria darebbe comunque ai giallorossi una dimensione europea e nuove consapevolezze.

Per scommettere sulla Serie A, puoi aprire un conto sul sito di William Hill e scoprire il codice promozionale William Hill (campo facoltativo presente sul formulario di registrazione)

Cosa manca alla Roma?

Ma cosa manca a questa squadra per arrivare al livello di squadre come l’Inter e Milan? Rispondere a questa domanda non è affatto semplice ma la sensazione è che manchi davvero poco, quanto meno dal punto di vista della tecnica individuale dei giocatori. Ciò che manca è un po’ di coraggio e una diversa consapevolezza nei propri mezzi che porterebbe la Roma a giocarsi tutte le partite con la convinzione di poter conquistare i tre punti. Mourinho sta lavorando molto anche sotto questo aspetto e la sensazione diffusa è che con qualche innesto di qualità nelle zone nevralgiche del campo questa squadra già a partire dalla prossima stagione possa stare lì a giocarsi lo scudetto o almeno la qualificazione alla Champions League. Champions League che resta il sogno proibito di questo finale di stagione e che darebbe una dimensione del tutto diversa alla prima stagione di Mourinho a Roma, nonostante i progressi compiuti siano già sotto gli occhi di tutti.

Dopo anni difficili in casa Roma è tornato il sereno: la nuova società sta comprendendo le potenzialità della piazza e siamo sicuri che i giallorossi nei prossimi anni saranno tra le più belle realtà d’Italia anche dal punto di vista dei risultati.

18+ | Gioca Responsabilmente | Si applicano Termini e condizioni | Contenuto commerciale
Agenzia Dogane Monopoli